La dieta e le sue fasi. Facciamo chiarezza

La settimana scorsa spero di avervi dato un po’ di tranquillità per quanto riguarda l’aumento di peso nel giro di 24 ore. In questo articolo voglio parlarvi delle fasi che la dieta, ricordo sempre seguita e impostata nel lungo periodo in modo tale da farla diventare il nostro nuovo stile di vita, deve necessariamente attraversate. Possiamo dire che, teoricamente, le fasi sono 3 ma che le stesse possono, come sempre del resto, variare da soggetto a soggetto. Diciamo che quelli a essere davvero pesanti, soprattutto psicologicamente, sono i primi 30 giorni dall’inizio di questo nuovo percorso. Perché accade questo? Semplicemente perché il cambio delle abitudini, soprattutto se variate drasticamente da quelle passate, sono in grado di destabilizzare il nostro sistema che cercherà di ritornare all’”equilibrio” precedente mandando segnali di malessere. Inoltre, come se questo non bastasse, l’instabilità del peso, che come un’onda sinusoidale inizia ad andare su e giù, lascia l’individuo impaziente e, diciamolo pure, sconfortato. È questa prima fase la più dura da superare. Infatti, il nostro corpo, così come il nostro cervello, ricerca quel benessere che in passato il cibo gli aveva dato quasi come conforto. Non dimentichiamo che i carboidrati, e gli zuccheri in generale, hanno lo stesso effetto delle droghe, portano a una assuefazione difficile ma non impossibile da debellare. Stretti i denti e passato questo periodo di rodaggio, già dal terzo mese di buone abitudini qualcosa inizia a cambiare. Lo sviluppo di una buona routine alimentare innesca una nuova sensazione di benessere persistente e i risultati, estetici e non, sono in grado di galvanizzare ancora di più il soggetto già in questa fase a buon punto. È dal sesto mese in poi che i reali progressi saranno evidenti. La mentalità remissiva e negativa si sarà trasformata in quella vincente che tutti dovremmo avere. Non è più una dieta che stiamo seguendo adesso, è il nostro nuovo stile di vita, siamo felici di aver fatto questo cambiamento. Inoltre, il fisico sta rispondendo alla grande a questo nuovo stimolo alimentare, accentuato ancora di più se a questo abbiamo affiancato una buona routine di allenamento. Insomma, non mollate, ragioniamo sempre nel lungo periodo, non esistono miracoli a breve termine. Concluso questo percorso, che dura circa 6 mesi, ci ritroviamo con nuove abitudini e, soprattutto, con una positività capace di farci affrontare il nostro quotidiano in maniera completamente diversa rispetto al passato.

Armando

Precedente H.P. Lovecraft – Il guardiano dei sogni. Le avventure di Randolph Carter Successivo La religione e le donne

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.