TV addio! Quarta puntata: Beppe Grillo

Personaggio divertente, grande comico e di certo scomodo all’interno del palinsesto RAI dell’epoca, mi riferisco agli anni 80’. Oggi è consuetudine canzonare la politica italiana e i suoi attori. All’epoca non era consigliato utilizzare questo atteggiamento. A cambiare nel corso dei decenni, infatti, non è stata solo la televisione ma anche, e lo abbiamo in parte visto, i costumi nazionali. Verso la politica c’era un timore quasi reverenziale al tempo, timore messo da parte proprio da Beppe Grillo. Quest’ultimo, come ben sappiamo, non le manda certo a dire a nessuno oggi come all’epoca. La satira politica è sempre stata alla base degli schet e degli spettacoli del comico genovese sin da suo debutto alla fine degli anni 70’. A scoprirlo, come spesso accadde in quel periodo e dopo, il nostro caro Pippo Baudo. Fu un incontro un po’ fortuito quello avvenuto tra i due. Baudo venne a sapere di questo monologhista molto bravo e andò a sincerarsi di persona del suo talento. Il grande Pippo rimase esterrefatto dalla sua bravura e da quello spirito d’improvvisazione. In un primo momento venne inserito in un quartetto formato da Beppe Grillo, Tullio Solenghi, Fioretta Mari e Jinny Steffan. Ben presto si capì che lo stesso Beppe non era fatto per i gruppi. Era un singolo e come tale riusciva a esprimersi al meglio. Da allora iniziò il suo percorso televisivo in RAI. A fare le spese delle sue battute figure politiche, attualità e tutto quello etichettato come cattiva politica. Tutto sembrava procedere al meglio fin a quando arrivò la battuta definitiva che sancì la fine del Beppe Grillo televisivo. Anno 1986, programma Fantastico 7, è questo il momento storico che vide il calcio nel sedere definitivo dalla RAI. In un suo monologo, in prima serata sulla prima rete nazionale (che vi propongo a fine articolo), Grillo sta facendo ironia su un viaggio in Cina da parte di una delegazione di socialisti. È qui arriva il terremoto:

«A un certo punto Martelli ha chiamato Craxi e ha detto: “Ma senti un po’, qua ce n’è un miliardo e son tutti socialisti?’. Craxi ha detto: ‘Sì perché?’. ‘Ma allora, se son tutti socialisti a chi rubano?’»

Una battuta questa che non andò giù ai politicanti dell’epoca chiamati in causa. La RAI fu costretta a prendere provvedimenti immediati su pressione degli stessi emarginando definitivamente Grillo per aver avuto l’ardire di dire semplicemente quello che pensava. È un caso che rimane a oggi eclatante sia per la televisione dell’epoca che per la stessa politica che sembra abbia visto il suo declino proprio da quel punto in poi.

Armando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.