Crea sito

Wu Ming – L’armata dei sonnambuli

1794. Parigi ha solo notti senza luna. Marat, Robespierre e Saint-Just sono morti, ma c’è chi giura di averli visti all’ospedale di Bicêtre. Un uomo in maschera si aggira sui tetti: è l’Ammazzaincredibili, eroe dei quartieri popolari, difensore della plebe rivoluzionaria, ieri temuta e oggi umiliata, schiacciata da un nuovo potere. Dicono che sia un italiano. Orde di uomini bizzarri riempiono le strade, scritte enigmatiche compaiono sui muri e una forza invisibile condiziona i destini, in città e nei remoti boschi dell’Alvernia. Qualcuno la chiama “fluido”, qualcun altro Volontà. Guarda, figliolo: un giorno tutta questa controrivoluzione sarà tua. Ma è meglio cominciare dall’inizio. Anzi: dal giorno in cui Luigi Capeto incontrò Madama Ghigliottina

Grazie a questo romanzo ho fatto la conoscenza dei famigerati Wu Ming. Un gruppo di scrittori questo che si oppone da sempre alla formula Scrittore-Divo. Attirato da titolo, mi sono ritrovato a vagare per la Francia messa sottosopra dalla Rivoluzione Francese. Qui il genio dei Wu Ming mi ha completamente spiazzato. Il testo riporta gli eventi visti, e vissuti, dagli occhi del popolo, cosa assolutamente nuova, addirittura assurda, niente a che vedere con la Rivoluzione Francese letta sui libri scolastici. Nonostante sia un romanzo scritto da più mani, con un lavoro di ricerca mastodontico alle spalle, quello che impressione è la linearità del racconto. Impressiona perché a entrare in scena sono più personaggio tutti diversi tra loro e non legati in apparenza da un filo conduttore. È la prima volta che leggo un romanzo scritto da più mani contemporaneamente. La prima impressione naturalmente si rivolgeva agli stili di scrittura dei vari autori che avrebbe dovuto, a mio avviso, rendere meno omogeneo e lineare tutto il contesto. Questo non accade, si notano certamente i cambi di stile nel corso della lettura ma il tutto è svolto senza creare problemi al lettore che è libero di continuare senza intoppi. In definitiva, questo è un libro assolutamente da leggere e gustare. Vi ritroverete a vedere, e vivere, con occhi diversi uno dei periodi storici forse più dibattuti e opinati della storia moderna dell’uomo.

Puntegggio:

Armando

14 Risposte a “Wu Ming – L’armata dei sonnambuli”

  1. You could certainly see yolur skills within the article you write.
    The sector hopes for more passionate writers like you who are not afraid to
    say how thhey believe. All the time follow your heart.

  2. Do you mind if I quote a couple of your articles
    as long as I proide credit and sources back to your blog?
    My blog iis iin the exact same area of interest as yours and my visitors would
    definitely benefit from a lot of the information you present here.
    Please let me know if this okay with you. Cheers!

  3. Hi there would yyou mind sharing which blog platform you’re using?

    I’m looking to start my owwn blog soon but I’mhaving
    a difficult time making a decision between BlogEngine/Wordpress/B2evolution and Drupal.
    The reason I ask is because your layout seems different then most blogs and I’m lookijg
    for something completely unique.
    P.S My apologies ffor getting off-topic butt I had to ask!

  4. Hi, I do believe this is an excellent website.
    I stumbledupon it 😉 I’m going to come back once again since i have bookmarked
    it. Money and freedom is the greatest way to change, may you be rich
    and continue to guide others.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.