Integratori: nuova visione

Chi segue il blog da tempo sa che, nel corso delle estati precedenti, ho testato vari integratori. L’ho fatto per cercare di trovare una soluzione capace di migliorare il mio quotidiano, costantemente provato nel periodo estivo da una pressione bassa capace di stressarmi, e non poco. Ed ecco che nel corso degli anni l’estratto di tè verde, quello composto da caffeina, fino ad arrivare al ginseng hanno fatto la loro comparsa. Seppur con valutazioni diverse, nel caso di caffè e tè negativo, questo percorso mi ha portato oggi a vedere queste scelte sotto un punto di vista differente. Sarebbe bastato, nel mio caso, cambiare alcune caratteristiche riguardante l’alimentazione per poter venire a capo del problema. Nessuno degli integratori citati, infatti, ha garantito i benefici che l’assunzione di più frutta, unita a una alimentazione prevalentemente fredda, mi ha mostrato nel corso di questa estate 2021. È bastato un approccio diverso, togliendo piuttosto che inserendo nuovi attori, a cambiare radicalmente la mia estate. Come ho già detto all’interno di articoli precedenti, questa nuova visione alimentare è stata vincente, e lo sarà, ne sono sicuro, nel corso delle prossime estati. Per quanto riguarda l’integrazione non tutto è da buttare. Come sappiamo, così come detto in passato, sono pochi gli integratori in grado di permettere un miglioramento del benessere generale del corpo. Sono, nel mio caso, gli stessi usati per i restanti periodi dell’anno. Nessuno cambio di dosaggio, tempi e modi di assunzione, semplicemente ho continuato ad assumerli nel corso della giornata. Tutto sommato, le prove fatte negli anni passati possono essere considerate vincenti. Non perché sono risultati fondamentali come integratori in sé per sé ma, fondamentale, in grado di spingermi a nuove visioni e nuovi approcci alimentari mai presi in considerazione prima. Mi ritengo soddisfatto del percorso fatto fino a ora. Studiare, apprendere, testare e ricercare, sono queste le basi di una vita sana ed equilibrata. La settimana prossima entrerò nello specifico parlandovi del mio approccio, a questo punto definitivo, all’integrazione.

Armando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.