Crea sito

Abuso di sale: i sintomi

Un altro dei problemi, presi troppo spesso sotto gamba, è l’assunzione eccessiva di sale. Questo non dipende necessariamente da quell’abuso volontario (come per esempio il salare la pasta o altri cibi intenzionalmente) ma da quella dettata da una mancanza di conoscenze che riguardano alcuni alimenti e le loro composizioni. Si può anche evitare il sale, quello inteso in grani, ma non si può assolutamente evitarlo quanto questo è contenuto in alimenti di cui facciamo comunemente uso. Due su tutti sono i colpevoli numero 1: insaccati e formaggi. Basta infatti l’assunzione eccessiva di questi alimenti per ritrovarsi vagonate di sale ingeriti senza nemmeno saperlo. Ci sono, a nostro favore, piccoli segnali che possono aiutarci a capire se questa assunzione è effettivamente in eccesso. Se la pressione alta è un sintomo lampante, non sempre gli altri segnali sono presi in considerazione, con la possibilità di far aggravare il problema se non affrontato in tempo.

  • Sentire spesso sete: è uno dei sintomi primari; è probabilmente il primo campanello d’allarme
  • Ritenzione idrica: raramente viene attribuita all’eccessivo uso di sale, la ritenzione idrica è, al contrario, uno dei primi sintomi più evidenti
  • Sensazione di gonfiore: accompagna spesso il punto analizzato precedentemente; prima di puntare il dito sui carboidrati, erroneamente indicati come i principali sospettati, è bene valutare i cibi assunti in modo da poter attribuire, se è il caso, il problema e quell’eccesso oggi in esame
  • Calcoli renali: è, probabilmente, l’ultimo stadio questo, quello che in maniera definitiva indica, con troppo ritardo, quella assunzione eccessiva di sale arrivato adesso a un punto dove è necessario un buon medico

Come possiamo vedere, l’abuso di sale può innescare una miriade di problemi più o meno gravi. Naturalmente la sua assunzione, ponderata e condotta con criterio, non è da eliminare dal nostro piano alimentare. Abbiamo bisogno, infatti, di quei sali minerali che al corpo non possono che fare bene. Evitiamo, o comunque diminuiamo l’assunzione, quei cibi che ne contengono quantità spropositate, lasciando spazio a altri alimenti che, insieme al sale, se assunti con criterio non possono fare altro che migliorare il nostro stato di salute.

Armando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.