UFO: nuove teorie

Proprio partendo dalle supposizioni del professor Sitchin, negli ultimi anni si sono intensificati gli studi in merito alla questione dell’alieno. Adesso, la creatura diversa in tutto e per tutto da noi, cui abbiamo conferito una certa forma mostruosa, si veda le cosiddette razze dei Grigi e dei Rettiliani tanto per farvi un’idea in merito, l’alieno sembra molto più vicino a noi di quanto pensassimo. Ricerche e contro ricerche hanno, a oggi, stabilito che di questo presunto pianeta chiamato Nibiru non vi è traccia all’interno del nostro sistema solare. Allo stesso modo la scienza attuale ha smontato pezzo per pezzo le traduzioni e le idee dello stesso Sitchin ritenendole infondate e frutto d’interpretazioni errate dei testi sumeri. Prendiamo tutto questo con le pinze, magari in futuro ci sarà da ricredersi su tutto ciò o forse no ma in ogni caso non lo sappiamo. Certo è che nuove tesi dagli studi del professore Azero sono venute fuori, e sono ancora più sorprendenti. La scienza attuale si è posta dei quesiti che se trovassero riscontri potrebbero cambiare radicalmente la storia dell’uomo così come la conosciamo oggi. E se fossimo noi stessi a visitare il nostro stesso pianeta? Se fosse l’essere umano di un futuro remoto, con a disposizione una tecnologia in grado di farlo viaggiare nel tempo, in modo da poter tornare indietro, studiando così da vicino la nostra evoluzione nei secoli e, magari, correggere alcuni errori fatti durante il cammino?. Altre domande vanno a riempire quel calderone di punti interrogativi già colmo di quesiti di tutti i tipi. Eppure, per gli scienziati e fisici intervenuti a questo dibattito, questa possibilità potrebbe essere meno assurda di tutte quelle esplorate fino a ora. Manipolare spazio e tempo, infatti, sembra essere a oggi l’unico tassello mancante a disposizione dell’essere umano per poter compiere viaggi di questo tipo da sempre desiderati. I sogni di H. G. Wells espressi all’interno del suo romanzo denominato appunto La macchina del tempo scritto nel 1895 ne è un esempio. Questo Romanzo dimostra come l’uomo da sempre agogna questa possibilità e che forse, non dimentichiamolo mai il forse, in un futuro l’essere umano stesso potrebbe essere in grado di compiere questo viaggio fantastico. Se poi pensiamo che nel nostro universo una sorta di viaggio nel tempo è già possibile da effettuare immediatamente forse questo futuro tanto lontano non è, ma di questo vi parlo la settimana prossima.

Armando

Precedente 5 allenamenti a settimana: forse troppi? Successivo Tom Clancy, Splinter Cell – Barracuda

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.