TV Addio! Prima puntata: 3 gennaio 1954

Basta gettare uno sguardo agli albori di questo mezzo nel nostro paese per appurane il suo reale bisogno all’interno delle vite degli italiani del tempo. La missione della televisione, infatti, era un qualcosa di nobile. Tutto iniziò, come dice il titolo stesso, il 3 gennaio 1954 quando la RAI aprì la sua programmazione ufficiale cambiando di fatto il volto della nostra nazione. In quegli anni avevamo a disposizione un unico canale che trasmetteva spettacoli e informazioni a tempo limitato. In parole povere le trasmissioni non andavano in onda 24 ore su 24. Questo accadeva per due motivi:

• La mancanza di una programmazione capace di coprire una fascia oraria così grande

• La televisione non era ancora un mezzo presente all’interno delle case degli italiani dell’epoca in pianta stabile

Il secondo punto è probabilmente il fattore trainante di questa scelta. Per vedere la televisione, all’epoca, si andava nei bar, a casa di qualche amico in possesso del mezzo o in sale adibite alla visione collettiva di questo nuovo strumento ricreativo. Sarebbe stato inutile e molto costoso produrre nuovi programmi che avrebbero in ogni caso visto in pochi, il tutto naturalmente in bianco e nero. Fondamentale al tempo era l’autoregolamentazione. C’era un rigido programma da seguire per chi volesse fare televisione. Non si accettavano scene atte al turbamento della società. Slogan che incitavano all’odio e alle divisioni tra classi sociali. C’è un rispetto totale dei valori familiari e religiosi. Molto forte anche la moralità che la televisione, ma in generale la società del tempo, imponeva. Erano insomma messe al bando tutti i tipi di volgarità e riferimenti che potessero anche lontanamente sfociare nell’erotismo. Tutto ciò venne sottoscritto molti anni prima dell’arrivo in pianta stabile del mezzo. Infatti già dal 1947 venne istituito il “Comitato per la determinazione delle direttive di massima culturali”, un mezzo che ai nostri giorni sarebbe di fondamentale importanza.

Armando

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.