Serie TV: The Walking Dead

Svegliatosi dal coma dopo essere rimasto ferito mentre era in servizio, il vice sceriffo Rick Grimes scopre che il mondo non è più come lo aveva lasciato. Un’apocalisse zombie ha devastato il pianeta e lui è uno dei pochi sopravvissuti. Disperato e disorientato, Rick cerca subito di ritrovare la moglie e il figlio scomparsi. Con loro, e un gruppo di sopravvissuti, viaggia attraverso il Paese in cerca di un nuova casa, lontano dalle orde di zombie

Una serie televisiva che ha portato gli zombie alla ribalta di quest’ultimo decennio. The Walking dead è probabilmente la serie televisiva più rappresentativa per quanto riguarda l’apocalisse e l’alba dei non morti sul nostro pianeta. Sono ben 8 le stagioni andate in onda fino a ora. Una programmazione così longeva non poteva che trascinarsi dietro molti problemi, in primis quello legato all’audience. In questa nostra società frenetica, alla costante ricerca di nuovi stimoli e novità, la serialità televisiva sembra farne maggiormente le spese. Già da qualche anno il pubblico interessato alla serie sembra essere calato in maniera significativa. Parere di chi scrive, questo fenomeno negativo non è solo da attribuire allo spettatore alla ricerca di novità. The walking dead sembra non voler mostrare una via di chiusura, una strada che possa portare a un epilogo questa storia che tra personaggi vecchi e nuovi propone all’incirca le medesime situazioni. Come spesso la serialità televisiva ci ha insegnato, quando si ha un brand capace di monetizzare bene produttori e addetti ai lavori non sono molto propensi a mollare la loro gallina dalle uova d’oro. Un peccato vista così la situazione, lo spettatore è legato sì alla serie e ai personaggi proposti ma allo stesso tempo, proseguendo su questa strada, potrebbe arrivare a odiare la stessa nel momento in cui inizia a capire che dietro non c’è più un lavoro reale ma solo e soltanto un temporeggiare in nome del guadagno.

Punteggio:

Armando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.