Oliver Bowden – Assassin’s Creed. La crociata segreta

“La Confraternita è un’antica fratellanza, nata secoli prima che Ezio Auditore scoprisse di farne parte, e tutti conoscono il nome di Altair, uno dei Maestri Assassini più leggendari. Ma per decenni, intorno alla sua vita, aveva aleggiato una fitta aura di mistero. Almeno fino a quando Niccolò Polo, nel 1257, decide di rivelarne la storia. “Ottant’anni fa, un luminoso giorno d’agosto proprio come questo”… così incomincia lo straordinario racconto che Niccolò, padre del celebre Marco, fa al fratello dalle vertiginose altezze della fortezza di Masyaf, la roccaforte degli Assassini in Siria. Ottant’anni prima, proprio da quel luogo, la vedetta aveva avvistato le navi saracene venute per spazzare via la Confraternita, un pericoloso ostacolo alle mire del sultano. Quell’evento aveva reso prematuramente orfano Altair Ibn-La’Ahad, accolto perciò giovanissimo tra gli Assassini, dei quali ben presto era diventato il membro più abile, spericolato e orgoglioso. Tanto da infrangere il Credo. Per una colpa così grande c’era una sola espiazione possibile, una sola prova di fedeltà: andare in missione segreta e distruggere nove acerrimi nemici”

Questo romanzo storico – fantastico risulta essere alquanto controverso. Infatti, è una di quelle poche produzioni che prendono spunto da un videogioco trasportando su carta una saga video ludica apprezzata in tutto il mondo. Assassin’s Creed annovera tra le sue fila milioni di appassionati, gradi e piccoli, che si sono immedesimati nei personaggi e nelle epoche storiche in cui questi risultano essere protagonisti nascosti. La crociata segreta, sebbene narri le vicende del leggendario maestro assassino Altair, è solo il terzo romanzo in ordine di tempo che ha visto la luce, prequel dei due precedenti ambientati nel il rinascimento, antecedete di 2 secoli dai precedenti. Sebbene la produzione videoludica abbia incantato tutti, compresa la critica, così non è per la versione romanzata. Nonostante la storia sia narrata in terza persona, lo scrittore Oliver Bowden, pseudonimo usato dallo scrittore e storico francese Anton Gill, il contesto e le azioni di combattimento non riescono a coinvolgere il lettore. È una sfaccettatura importante, quasi un paradosso. Sembra che l’autore si sia dedicato di più nel voler farci conoscere meglio Altair. Infatti, sembra volerlo mettere a nudo ancor di più rispetto all’impronta prettamente action della versione video giocata. La lettura, a parte qualche difficoltà nel seguire le scene d’inseguimenti e scontri, è abbastanza veloce. Romanzo piacevole a tratti e altrettanto noioso in quei punti che sembrano non voler finire mai. In definitiva, Assassin’s Creed – La crociata segreta, non sembra rientrare appieno in quel mondo magico che è il romanzo storico. Un romanzo che potrei definire “forzato” dall’immensa fortuna che la Ubisoft e il suo team di sviluppatori ha costruito sì ma per un mercato molto diverso da quello editoriale. Sicuramente di facile lettura per tutti gli appassionati che hanno giocato il capitolo a cui il romanzo è dedicato ma per un lettore estraneo al gioco la stessa lettura risulta difficile da seguire.

Punteggio:

Armando

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.