L’allenamento a casa: lo step successivo

Ipotizziamo di aver concluso questo primo approccio con quell’allenamento casalingo che fino a poco tempo prima era visto come un’incognita bella e buona. Adesso dovremmo aver acquisito una sicurezza maggiore in noi stessi e nell’approccio verso la pratica sportiva casalinga. Se tutto è andato come descritto sopra oggi siamo pronti a fare un salto di qualità. Siamo pronti a passare quindi al secondo step che ci permetterà di migliorare qualitativamente quell’allenamento che fino a ora è stato comunque soddisfacente. Si può pensare d’investire qualche spicciolo acquistando materiale che ci permetta di creare nuove sedute di allenamento. Basterà in questo caso una panca reclinabile e una coppia di manubri, magari assemblabili con l’ausilio di dischi, cosa che ci permetterà d’intensificare gli sforzi. Così facendo andremo a integrare tutti quegli esercizi a corpo libero, che non dovremo assolutamente abbandonare, aumentando il volume e l’intensità dell’allenamento stesso. C’è da pianificare il lavoro che andremo a effettuare seduta per seduta, inserendo i nuovi esercizi in maniera tale da poter essere strutturata funzionalmente. Letto così sembra difficile ma praticamente non lo è. Dopo aver suddiviso in base alle nostre esigenze i gruppi muscolari in relazione ai giorni di allenamento a nostra disposizione, siamo pronti per partire. Basterà semplicemente valutare le priorità (ipertrofia, resistenza, tonificazione) conferendo agli esercizi scelti il numero di serie e di ripetizioni adatte per poter raggiungere il nostro obiettivo. Sarà questo uno step più lungo rispetto al primo. Questo ci permetterà di valutare con calma quel passo successivo da fare se, nel caso succeda, questo secondo approccio alla lunga non porti più a quei risultati che ci si aspettava.

Armando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.