La farina d’avena (avena istantanea)

La farina d’avena dovrebbe rientrare nella categoria degli alimenti che devono necessariamente fare parte in pianta stabile all’interno della nostra quotidianità alimentare. Inserire questa preziosa fonte di carboidrati all’interno del mondo degli integratori è stata più una conseguenza che non altro. Conseguenza dettata dalla difficoltà di reperire questo alimento nei supermercati causa la scarsa domanda che, a quanto pare, innesca un effetto domino con conseguente mancanza del prodotto. Si è quindi “costretti” a reperire tale fonte di carboidrati a basso indice glicemico negli store online dei rivenditori d’integratori. Un prodotto questo di cui si parla troppo poco rispetto alle qualità che porta con se:

  • Una fonte energetica a rilascio graduale di energia
  • Prevenzione del picco glicemico improvviso causato dall’innalzamento degli zuccheri nel sangue
  • Apporto di fibre alimentari
  • In grado di ridurre il colesterolo in eccesso se accompagnato da una alimentazione adeguata

La farina d’avena può essere utilizzata per la produzione di prodotti da forno quali pancake, o consumata Shakerata in aggiunta ad acqua o latte. Se miscelata con un le classiche proteine in polvere è in grado di fornire un pasto completo. Ottima da consumare a colazione in modo da iniziare al meglio la giornata grazie alle sue caratteristiche che permettono un apporto calorico adeguato. Ciò non toglie che, con la sua elasticità, possa permettere di creare spuntini appetitosi da consumare come merenda di metà mattina o pomeriggio. Un prodotto di cui non solo l’atleta non può non innamorarsi ma, viste le caratteristiche, potrebbe diventare interessante per tutti coloro che semplicemente vogliono migliorare la loro alimentazione senza però rinunciare al gusto.

Armando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.