J. Gordon Melton – Il libro del soprannaturale

“”Il libro del soprannaturale”, strutturato in oltre 250 lemmi corredati di più di 100 illustrazioni, presenta un’equilibrata esposizione dei più noti fenomeni paranormali legati alla fenomenologia religiosa. Le voci comprendono la descrizione dei vari avvenimenti, accompagnata dall’interpretazione che ne dà la religione e dal giudizio degli scienziati. L’autore, noto studioso statunitense, guida il lettore in un lungo excursus sul mondo della religiosità incentrato su eventi straordinari, visite angeliche, apparizioni mariane (Guadalupa, 1531; Lourdes, 1858; Fatima, 1917), senza trascurare la biografia di leader religiosi quali Gesù, Buddha, Maometto e Lao tzu. Melton presenta inoltre al lettore una grande varietà di argomenti: dai sogni alle esperienze di premorte, dai viaggi extracorporei a venerate reliquie quali la Sacra Sindone e la Lancia di Longino. Non manca un’accurata panoramica sui luoghi sacri: L’Isola di Pasqua, Glastombury Tor, la Grande Piramide, Loreto, La Mecca e Sedona, in Arizona, la mitica cittadina-simbolo della New Age”

È stata questa una lettura molto interessante e costruttiva, capace di aprirmi un mondo che probabilmente conoscevo ancora troppo poco. Religione e scienza messe una di fronte all’altra con l’intento di venire a capo su molti punti oscuri, su fatti e avvenimenti che ancora una visione chiara e limpida non la hanno. J. Gordon Melton ci propone il suo lavoro, una mastodontica ricerca che ha impegnato lo stesso scrittore per molto tempo. Non è un libro di piacere questo. Non ci si può aspettare di prendere in mano “Il libro del soprannaturale” sedersi comodamente in poltrona con una tazza di the a fianco. È un libro da studiare più che da leggere. Un testo questo messo a disposizione per tutte quelle persone che vogliono far luce su argomenti a tutt’ora caldi nonostante i secoli trascorsi e, in molti casi, millenni passati dallo svolgimento dei fatti. Non è presente all’interno del testo uno scontro religione – scienza, tutt’altro. L’autore cerca di arrivare a un punto d’incontro, far ragionare entrambi i mondi nonostante le differenze e le visioni su temi affrontati in chiave diversa. Ne consiglio vivamente la lettura, aprire la mente e confrontarsi con altre correnti di pensiero non può che far bene a noi e in un futuro, chissà, anche alla nostra società.

Punteggio:

Armando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.