Clemente Russo

Anche lui come Alessio Sakara e Martin Castrogiovanni è arrivato al grande pubblico grazie ad alcune partecipazioni televisive. Sembra quasi che il filo conduttore che unisce questi illustri sportivi del bel paese sia stato proprio il piccolo schermo. Clemente Russo, come del resto i due menzionati, è molto di più di un individuo prestato al palcoscenico televisivo. La sua stessa vita potrebbe essere rappresentata egregiamente in una serie che ripercorre i passi percorsi per arrivare ai grandi risultati di una carriera magnifica. Il pugile partenopeo, nato in un piccolo quartiere della provincia di Caserta, Marcianise, è colui che probabilmente più di chiunque altro in questo nuovo millennio ha portato i colori italiani alla ribalta della boxe mondiale. Sin da dilettante ha dimostrato come l’amore per questo sport sia molto più grande di qualunque altro e al diavolo tutti i sacrifici fatti, sembra volerci dire Clemente, ne vale sempre la pena. Clemente Russo ha vinto molto durante la sua carriera. Dai giochi del mediterraneo, dove ha conquistato la medaglia d’oro nel 2005 e 2009, il campionato europeo, oro nel 2005 e argento nel 2007, ai campionati mondiali, oro anche qui nel 2007 e 2013, il tutto condito probabilmente da un unico grande rimpianto che prende il nome di olimpiadi. Sia chiaro il pugile non ha di certo sfigurato ma le due medaglie d’argento del 2008 e del 2012 non gli hanno permesso di chiudere quel cerchio vincente che lo hanno visto trionfare con l’agognato oro che avrebbe meritato anche in questa occasione. È in casi come questi che il carattere del guerriero viene fuori. Sono delusioni che probabilmente avrebbero affossato chiunque dopo una carriera condotta al massimo con poche soste e condite con tante soddisfazioni a livello mondiale. Vederlo riprovare per l’ennesima volta la scalata all’olimpo non sarebbe una sorpresa visto il carattere che si ritrova. È un combattente nato, Clemente Russo porta con se un amore e un rispetto verso lo sport che va ben oltre la semplice pratica sportiva. Anche in questo caso, come visto in altri articoli, lo sport è uno stile di vita che ci aiuta a combattere contro le difficoltà quanto queste sembrano insormontabili e causa di amaro in bocca per colpa di cocenti delusioni.

Armando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.